NEWS

CSRD – Corporate Sustainability Reporting Directive

Il Parlamento europeo ha approvato CSDR, nuova direttiva sulla rendicontazione delle informazioni di carattere non finanziario.

Nessun video selezionato

Seleziona un tipo di video dalla barra laterale.


NUOVA CSDR

Il Parlamento europeo ha approvato la Corporate Sustainability Reporting Directive – CSDR, la nuova direttiva sulla rendicontazione delle informazioni di carattere non finanziario che sostituisce la direttiva 2014/95/UE sulla Dichiarazione Non Finanziaria – DNF.

La norma si applicherà, oltre che alle grandi società, alle PMI quotate e non quotate; inoltre sono previsti impegni anche per le imprese extra UE che svolgono attività rilevanti in ambito UE, nello specifico con fatturato in Unione Europea superiore a 150 milioni di euro. 

Roadmap

  • 1° gennaio 2024 la direttiva interesserà le grandi imprese con oltre 500 dipendenti già soggette alla direttiva sulla rendicontazione non finanziaria. La scadenza è prevista nel 2025.
  • 1° gennaio 2025 verranno coinvolte anche le grandi imprese attualmente non soggette alla direttiva sulla rendicontazione non finanziaria. In questo caso si tratta di imprese che rispondono a questi criteri: contano più di 250 dipendenti e/o 40 milioni di euro di fatturato e/o 20 milioni di euro di totale attivo. In questo caso, con scadenza nel 2026.
  • 1° gennaio 2026 il perimetro di azione si allarga alle PMI quotate e alle altre imprese. In questa circostanza la scadenza è nel 2027, mentre per le PMI il termine si prolunga sino al 2028.

Novità

  • La CSRD introdurrà l'obbligo di certificazione del reporting da parte di un revisore o certificatore indipendente accreditato.
  • Viene richiesto alle aziende di preparare il bilancio e la relazione sulla gestione in formato XHTML.
  • La CSRD incorpora anche il concetto di "doppia materialità", ovvero i rischi per l'impresa e gli impatti dell'impresa. Le stesse saranno tenute a considerare ogni prospettiva di materialità a sé stante e a divulgare informazioni rilevanti da entrambe le prospettive, nonché informazioni rilevanti solo da una delle prospettive.
  • La CSRD introdurrà standard trasversali, standard settoriali e requisiti settoriali specifici, in fase di elaborazione dell’EFRAG.
  • Gli standard trasversali sono destinati a fornire informazioni su questioni generali e non di attualità, comprenderanno disposizioni generali di rendicontazione ESG come la Due Diligence, la strategia e il modello di business, i confini e la catena del valore.


Principi di rendicontazione

L’European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) sta lavorando a una prima serie di bozze di principi di rendicontazione della sostenibilità (ESRS). Gli ESRS applicabili prevedono un'informativa standardizzata per settore. Le imprese dovranno trattare le questioni ambientali, sociali e di governance, riferite sulle seguenti aree:

  • strategia e modello di business in relazione alla sostenibilità;
  • governance e organizzazione in relazione alla sostenibilità;
  • valutazione della materialità degli impatti, dei rischi e delle opportunità legati alla sostenibilità;
  • misure di attuazione che comprendono politiche, obiettivi, azioni e piani d'azione, allocazione delle risorse e metriche di performance.
L’European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) sta lavorando a una prima serie di bozze di principi di rendicontazione della sostenibilità (ESRS).

Gli ESRS applicabili prevedono un'informativa standardizzata per settore.

Le imprese dovranno trattare le questioni ambientali, sociali e di governance, riferite sulle seguenti aree:

    • strategia e modello di business in relazione alla sostenibilità;
    • governance e organizzazione in relazione alla sostenibilità;
    • valutazione della materialità degli impatti, dei rischi e delle opportunità legati alla sostenibilità;
    • misure di attuazione che comprendono politiche, obiettivi, azioni e piani d'azione, allocazione delle risorse e metriche di performance.

Conclusioni

Queste importanti novità evidenziano l’attenzione dell’Unione Europea sui temi ESG, inserendosi tra le misure adottate per raggiungere gli obiettivi imposti dall’European Green Deal.

Le imprese quotate e non dovranno adoperarsi il prima possibile per raccogliere i dati e le informazioni da rendicontare. Sono stati inseriti dei limiti temporali ma ciò non esclude la possibilità di ritrovarsi fuori dal mercato in caso di mancata e pronta adesione dei principi ESG: infatti, vediamo un mercato dove le varie etichette o certificazioni, soprattutto ambientali, possono più o meno assicurare quote di mercato su tutta la value chain.

DL ENERGY RELEASE

Richiedi il nostro supporto

Alens si propone come aggregatore, per unire tutte quelle aziende che consumano meno di 3,34 GWh/anno di energia elettrica e consentire anche a loro di accedere al meccanismo.

Richiedi adesso una valutazione dei nostri esperti.

Paolo-guardamagna

Articoli di approfondimento

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime notizie sulla  sostenibilità aziendale e il mercato dell'energia

Ricevi per email i nostri approfondimenti su bandi e finanziamenti, riduzione delle emissioni, risparmio energetico e le nostre strategie per la tua sostenibilità. Alens lavora con i clienti per creare un impatto positivo sull'ambiente e un valore reale per il business dell'azienda attraverso investimenti sostenibili.